13 Aug 2014

Sulle orme di Celestino V: gli eremi

13/08/2014

L’eremita Pietro Angeleri, meglio noto come Pietro dal Morrone, entrato nell’ordine benedettino, ama vivere da solo o con pochi confratelli in una grotta, in luoghi impervi, riservati e lontani dal mondo.

 

Semplicità e austerità sono le due parole che meglio rappresentano la vita del futuro Papa Celestino V, nonchè caratteristiche che si riscontrano anche nei luoghi che ne segnarono il suo passaggio e che ancora oggi sono meta di molte persone, non solo pellegrini e credenti, ma amanti della natura.

 

Diversi, infatti, sono gli eremi nascosti nei più remoti anfratti, nei più solitari valloni del Parco Nazionale della Majella. Alcuni raggiungibili in auto, altri solo a piedi e, spesso, con percorsi non facili come l’Eremo di San Giovanni dove c’è un passaggio decisamente molto stretto.

 

L'Eremo di Santo Spirito, invece, rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti della Maiella. L’edificio risale a prima del Mille ed è certo che vi dimorò anche Papa Vittore III, nel 1053. Ma fu Pietro che, alla metà del XIII secolo, riscoperse il luogo ristrutturando l’edificio e vivendoci con alcuni eremiti.

 

Dal 1274 al 1276 Pietro visse in preghiera nell’Eremo di San Bartolomeo, ma la sua fama faceva accorrere al luogo, troppo facile da raggiungere, migliaia di fedeli. Il futuro papa decise allora di spostarsi in un luogo più remoto, in una vallata allora impenetrabile: quella dell’Orfento.

 

Un altro luogo di culto è l'Eremo di Sant'Onofrio: una Chiesa rupestre addossata alla roccia all'interno della quale si trova la statua di Santo Onofrio che, secondo un'antica leggenda, era figlio del re di Persia; lui visse santamente in solitudine e in penitenza rinchiuso in una grotta che, dopo la sua canonizzazione, divenne una chiesetta incastonata nella roccia.

 

Questi sono i luoghi che descrivono e ricordano al meglio la figura di un Santo che condusse una vita in preghiera e a contatto con la natura tra la Maiella e il Morrone, un uomo semplice che, di lì a poco, sarebbe stato incoronato Papa.

ungiornoacollemaggio FacciataPortalePietro da MorroneCelestino VPorta SantaPerdonanza CelestinianaArteTradizioneReligione 30.10.2013
Pietro Angeleri: un uomo importante per L’Aquila

Una storia e una personalità affascinanti quelle di Pietro, meglio noto come Pietro dal Morrone l’eremita. Per quanto reietto alla vita sociale e politica, nel 1294 fu nominato Papa. Perché proprio lui? E perché a L’Aquila?

vai all'articolo StoriaPietro da MorroneCelestino VPerdonanza CelestinianaReligione 06.08.2014

Racconta
la tua storia
di Collemaggio.

Condividila con noi attraverso un messaggio, una foto o un video: potrai vederla pubblicata qui sul Diario, insieme a tutte le altre.

diventa protagonista
Il Fuoco del Morrone e l'inizio della Perdonanza

Il 23 agosto di ogni anno il Fuoco proveniente dal Monte Morrone, portato dai tedofori del Movimento Celestiniano, arriva a L’Aquila per accendere il tripode sulla torre civica di Palazzo Margherita. Questa cerimonia dà inizio alla settimana Santa della Perdonanza.

vai all'articolo StoriaPietro da MorroneCelestino VPerdonanza CelestinianaTradizionePalazzo Margherita 20.08.2014
Il Corteo della Bolla del Perdono e l'apertura della Porta Santa

Il 28 agosto, giorno d'inizio dell'indulgenza, la Bolla fa la sua annuale comparsa al cospetto della cittadinanza al termine di un corteo storico che da Palazzo Margherita raggiunge la basilica di Santa Maria di Collemaggio per l’apertura della Porta Santa.

vai all'articolo Pietro da MorroneCelestino VFestaPerdonanza CelestinianaTradizionePalazzo MargheritaBolla del Perdono 25.08.2014
Federica 🌈 StoriaFestaPerdonanza CelestinianaTradizioneReligioneCorteo 26.09.2014